Le fasce addominali possono aiutare i pazienti di COVID-19?

Liquid error (sections/article-template.liquid line 62): The format option 'month_day_year' is not a supported format.

Le fasce addominali possono aiutare i pazienti di COVID-19?

Recentemente, nei notiziari, sono arrivate diverse segnalazioni che spiegano come posizionare i pazienti di COVID-19 con respirazione meccanica, in posizione prona per 16 ore al giorno, possa essere un aiuto significativo per aumentare la saturazione di ossigeno nei polmoni. La spiegazione sembra essere che alcune parti dei polmoni possano venire schiacciate dal peso del proprio corpo quando il paziente è in posizione supina. Girandoli sul ventre invece, queste parti dei polmoni riescono ad aprirsi per una migliore ossigenazione.

L'idea di utilizzare la posizione prona nei pazienti di COVID-19 può essere correlata ai numerosi studi [4-8] che dimostrano i benefici per i pazienti con malattie polmonari ostruttive croniche (BPCO) e sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS); condizioni che somigliano molto alla ridotta funzionalità polmonare nei pazienti di COVID-19.

Tuttavia, ci sono degli svantaggi nel mettere il paziente in posizione prona; in primis potrebbe aumentare il rischio di contaminazione quando si gira il paziente e secondariamente i malati che vengono intubati, richiedono una maggiore sedazione che di conseguenza può aumentare la permanenza in terapia intensiva. I pazienti di COVID-19 non intubati e non sedati possono provare disagio a rimanere sdraiati in posizione prona per 16 ore, e possono di conseguenza non ottenere un aumento significativo dell'ossigenazione se non seguono l'indicazione.

Esistono modi alternativi alla posizione prona per poter ottenere gli stessi effetti benefici sulla funzione respiratoria?

La soluzione potrebbe essere l'uso di una fascia addominale?

Pubblicazioni scientifiche hanno dimostrato che quando si usano fasce addominali, l’efficienza respiratoria nei pazienti con BPCO, aumenta. L'effetto positivo sulla respirazione durante l'applicazione di una fascia addominale è comprovato anche in pazienti con lesioni del midollo spinale [9-12]. Se l'impatto sulla funzionalità polmonare nei pazienti con COVID-19 ha somiglianze con i pazienti con BPCO, si ha ragione di ipotizzare che una fascia addominale possa essere di aiuto.

Come può una fascia addominale migliorare la respirazione? La spiegazione è legata alla necessità di una pressione intra-addominale per espandere la cassa toracica e quindi i polmoni, motivo per cui il diaframma è un muscolo importante per la respirazione [13,14].

Il diaframma è un grande muscolo a forma di cupola che separa le cavità toraciche e addominali. Ha un tendine centrale e fibre muscolari periferiche che sono attaccate al bordo inferiore della gabbia toracica, la cosiddetta zona di apposizione. Durante l'ispirazione, queste fibre muscolari si contraggono, entrambe appiattiscono il diaframma (lo spostano verso il basso) e espandono la cassa toracica verso l'esterno. Questa azione allarga la cavità pleurica ed i polmoni (inspirando aria) e aumenta la pressione nella cavità addominale spostandone la parete verso l'esterno. Se si impedisce che la parete addominale si sposti verso l'esterno, come quando si utilizza una fascia addominale, l'espansione della cassa toracica inferiore aumenterà ulteriormente, poiché il diaframma con i muscoli periferici contraenti, attaccati alla cassa toracica, verranno forzati più in alto, migliorando l'espansione polmonare.

Se le fasce addominali possono aiutare i pazienti con BPCO, e se i pazienti con COVID-19 hanno condizioni polmonari simili, si può presumere che ci sia un effetto positivo sulla respirazione anche applicando fasce addominali ai pazienti con COVID-19?
E potrebbe essere questa una soluzione utile per aiutare a ridurre le 16 ore di posizione prona tenuta dai pazienti?

Qualiteam vorrebbe donare alcune fasce addominali per verificare se è possibile aiutare i pazienti affetti da COVID-19 ad ottenere una migliore guarigione tramite una migliore respirazione.

Per maggiori dettagli e informazioni, vi preghiamo di contattarci a: info@qualiteam.com

 

 

Riferimenti:

  1. https://edition.cnn.com/2020/04/14/health/coronavirus-prone-positioning/index.html
  2. https://www.youtube.com/watch?v=ECdxhNFLwVo
  3. https://www.healio.com/pulmonology/critical-care/news/online/%7B8fb470fd-092a-4e58-bdfc-95c1dc12b1e0%7D/body-positioning-may-affect-lung-recruitability-in-covid-19-related-ards
  4. Kallet R.H. A Comprehensive Review of Prone Position in ARDS. Respiratory Care. November 2015 Vol. 60 No. 11. DOI: 10.4187/respcare.04271
  5. Guèrin C. et al. Prone Positioning in Severe Acute Respiratory Distress Syndrome. N Engl J Med 2013;368:2159-68. DOI: 10.1056/NEJMoa1214103
  6. Reignier J et al. Short-term effects of prone position in chronic obstructive pulmonary disease patients with severe acute hypoxemic and hypercapnic respiratory failure. Intensive Care Med. 2005 Aug;31(8):1128-31 DOI: 10.1007/s00134-005-2658-5
  7. Mentzelopoulos SD et al. Prone position improves lung mechanical behavior and enhances gas exchange efficiency in mechanically ventilated chronic obstructive pulmonary disease patients. Anesth Analg. 2003 Jun;96(6):1756-67 DOI: 10.1213/01.ane.0000064282.79068.1e
  8. Gattinoni l. et al. Effect of Prone Positioning on the Survival of Patients with Acute Respiratory Failure. N Engl J Med 2001; 345:568-573 DOI: 10.1056/NEJMoa010043
  9. Wadsworth BM et al. Abdominal Binder Improves Lung Volumes and Voice in People With Tetraplegic Spinal Cord Injury. Arch Phys Med Rehabil Vol 93, December 2012. doi.org/10.1016/j.apmr.2012.06.010
  10. Kachpile ST et al. Immediate effect of abdominal binder on peak expiratory flow rate (PEFR) in chronic obstructive pulmonary disease (COPD) patients. Int. J. of Allied Med. Sci. and Clin. Research Vol-6(1) 2018 [114-117]
  11. Dodd DS et al. Effect of abdominal strapping on chest wall mechanics during exercise in patients with severe chronic air-flow obstruction. Am Rev Respir Dis. 1985 Jun;131(6):816-21 DOI: 10.1164/arrd.1985.131.6.816
  12. Abdallah et al. Abdominal Binding Improves Neuromuscular Efficiency of the Human Diaphragm during Exercise. Front. Physiol. 8:345. doi: 10.3389/fphys.2017.00345
  13. Gartman EJ et al. Dependence of Diaphragm Function on Abdominal Compliance. Ann Am Thorac Soc Vol 16, No 3, pp 381–386, Mar 2019. DOI: 10.1513/AnnalsATS.201809-616CC
  14. De Troyer A et al. Action of the diaphragm on the rib cage. J Appl Physiol 121: 391–400, 2016 doi:10.1152/japplphysiol.00268.2016




Lascia un commento

Il commento sarà approvato prima di essere pubblicato.


Anche su Qualiteam

Guida al dolore nei pazienti pediatrici dopo un intervento di cardiochirurgia
Guida al dolore nei pazienti pediatrici dopo un intervento di cardiochirurgia

Liquid error (sections/article-template.liquid line 273): The format option 'month_day_year' is not a supported format.

Leggi l'articolo intero →

Guarigione dello sterno dopo un operazione di cardiochirurgia
Guarigione dello sterno dopo un operazione di cardiochirurgia

Liquid error (sections/article-template.liquid line 273): The format option 'month_day_year' is not a supported format.

Leggi l'articolo intero →

20 fatti che potresti non conoscere sul recupero dalla chirurgia cardiaca e sull'uso di supporti sternali esterni
20 fatti che potresti non conoscere sul recupero dalla chirurgia cardiaca e sull'uso di supporti sternali esterni

Liquid error (sections/article-template.liquid line 273): The format option 'month_day_year' is not a supported format.

Qui ci sono 20 fatti che potresti conoscere o meno sul recupero postoperatorio dopo un intervento chirurgico a cuore aperto e le complicazioni che possono sorgere.
Questi punti sono stati tratti dal white paper pubblicato da D. Hjorth intitolato: "Valutazione di Supporti Esterni per Torace Durante l’Intero Processo di Recupero,
in Degenza e Post-Ospedaliero, per Ridurre i Costi Derivati da Complicazioni e Terapie a Lungo Termine.”

Leggi l'articolo intero →